Doutrinas Essenciais - Novo Processo Civil

Doutrinas Essenciais - Novo Processo Civil

Doutrinas Essenciais - Novo Processo Civil

Doutrinas Essenciais - Novo Processo Civil

21. Brevi Note Sul Litisconsorzio Nel Processo Tributario Italiano - Capítulo IV - Litisconsórcio

21. Brevi Note Sul Litisconsorzio Nel Processo Tributario Italiano - Capítulo IV - Litisconsórcio

Entre no Jusbrasil para imprimir o conteúdo do Jusbrasil

Acesse: https://www.jusbrasil.com.br/cadastro

Autor:

FABIO SAPONARO

Pós-Doutor pela Università del Salento. Doutor em Direito Tributário pela Università degli Studi di Lecce. Professor de Direito Tributário da Università Unitelma Sapienza de Roma. Advogado. - fabiosaponaro@hotmail.it

Sumário:

Área do Direito: Processual

Riassunto: L’art. 14 del D. Lgs. 546/92 ha introdotto nel diritto processuale tributário italiano l’istituto del litisconsorzio, che si realizza quando sorge la necessità della compresenza di più parti in giudizio, oltre alla parte ricorrente e a quella resistente, affinché la sentenza non sia inutiliter data. Il contributo descrive le diverse fattispecie di litisconsorzio (necessario e facoltativo) riscontrabili nel processo tributário italiano e le difficoltà applicative correlate alla controversa qualificazione giuridica di quest’ultimo e alla difficoltà di individuare in generale, nel diritto tributário, fattispecie nelle quali sia riconoscibile la contitolarità del rapporto sostanziale, che è ritenuto il fondamento di ogni ipotesi di rapporto processuale litisconsortile. Viene esaminata, infine, la relazione tra il litisconsorzio e le obbligazioni tributarie solidali e le concrete modalità applicative dell’istituto.Abstract: The art. 14 of D. Lgs. 546/92 introduced in the Italian tax law procedure the institute of joinder of parties, which is realized when there is a need for the presence of multiple parties in court, in addition to the plaintiff and the defendant, arises so that the judgment is not inutiliter data. The present contribution describes the various litigation possibilities (necessary and facultative) that can be found in the Italian tax law procedure and the enforcement difficulties related to the controversial legal qualification of the latter and the difficulty in identifying in general, in tax law, cases in which the common responsibility for the substantive relationship is recognizable, which is considered to be the basis of any possible hypothesis of joinder tax law relation. Lastly, we will examine the relationship between the joinder consortium and the solidarity tax law obligations and the concrete possibilities for the use of the institute..

Parole Chiave: Diritto tributário - Processo tributário - Litisconsorzio.Keywords: Tax Law - Tax Law Procedure - Joinder.

Revista de Processo • RePro 274/409-429 • Dez./2017

1. Premessa

L’art. 14 del D. Lgs. 546/1992 1 ha introdotto nel diritto processuale tributário italiano l’istituto del litisconsorzio 2 , indicando espressamente le condizioni processuali al ricorrere delle quali deve essere ritenuta esistente una ipotesi di litisconsorzio necessario, e quelle che, di converso, legittimano l’intervento del terzo e la sua chiamata in causa 3 .

In termini generali, il litisconsorzio necessario si realizza nel momento in cui sorge la necessità, affinché la sentenza da rendersi possa dirsi efficacemente produttiva di effetti giuridici, della contemporanea presenza di più parti in giudizio, oltre alla parte ricorrente e a quella resistente. Al contrario, nel litisconsorzio facoltativo la pluralità di parti è semplicemente eventuale, in quanto, esistendo solo ragioni di mera opportunità che consigliano la partecipazione congiunta di più soggetti al medesimo giudizio, la legge consente, senza imporlo, che costoro agiscano o siano convenuti contestualmente.

La ratio che è posta alla base dell’istituto del litisconsorzio, sia che ci si trovi nell’ambito processualcivilistico sia che ci si trovi nell’ambito del contenzioso tributário, è sempre quella di evitare che, sebbene l’oggetto del ricorso concerna inscindibilmente una situazione sostanzialmente comune in capo a più soggetti, possa pervenirsi (a causa della trattazione separata dei relativi processi) alla formazione di decisioni giudiziali contrastanti su questioni, invece, che sono suscettibili, per necessità o per opportunità, di una risoluzione unitaria.

2. Le tipologie di litisconsorzio

All’interno della categoria generale dell’istituto del litisconsorzio si è soliti distinguere le diverse fattispecie che possono presentarsi: la prima categorizzazione che in tal senso viene ad evidenza è quella che distingue tra litisconsorzio necessario 4 e litisconsorzio facoltativo 5 . Quest’ultimo, poi, a seconda del momento in cui si realizza, può distinguersi in litisconsorzio facoltativo originario 6 , se la pluralità di soggetti esiste fin dal nascere del processo 7 , ovvero litisconsorzio facoltativo successivo 8 , se tale pluralità viene a realizzarsi già in pendenza del giudizio stesso. In tale ultima fattispecie il litisconsorzio può realizzarsi per mezzo di un intervento volontario, o per mezzo di un intervento coatto, tramite la chiamata in causa.

Con riferimento alle varie modalità per mezzo delle quali può attuarsi il litisconsorzio facoltativo successivo nel diritto processuale tributário, deve rilevarsi come la dottrina ritenga ormai pacificamente ammissibile l’intervento adesivo autonomo (cd. litisconsortile), quando il terzo che interviene fa valere un proprio diritto, connesso per oggetto e/o titolo a quello dedotto in giudizio, nei confronti di una soltanto delle parti originarie, assumendo così una posizione autonoma solo nei confronti di questa 9 .

Più controversa appare, invece, l’ammissibilità dell’intervento adesivo dipendente (ad adiuvandum), che si realizza quando l’interveniente, lungi dal far valere un proprio diritto, si limita a sostenere le ragioni di una delle parti in giudizio, oppure assume una posizione che è subordinata a questa parte, di cui il terzo auspica e cerca di favorire la vittoria 10 .

Altrettanto dubbio appare l’intervento principale (ad excludendum), il quale presuppone che il soggetto che interviene eserciti in giudizio un’azione propria, determinando un allargamento della materia del contendere e facendo valere un interesse in conflitto con quello di entrambe le parti originarie 11 .

La dottrina prevalente ritiene che nell’intervento ad adiuvandum non siano configurabili gli estremi della fattispecie soggettiva descritta dall’art. 14, co. 3, del D. Lgs. 546/92, in quanto il titolare di un rapporto dipendente da quello oggetto di causa non può considerarsi né destinatario …

Uma experiência inovadora de pesquisa jurídica em doutrina, a um clique e em um só lugar.

No Jusbrasil Doutrina você acessa o acervo da Revista dos Tribunais e busca rapidamente o conteúdo que precisa, dentro de cada obra.

  • 3 acessos grátis às seções de obras.
  • Busca por conteúdo dentro das obras.
Ilustração de computador e livro
jusbrasil.com.br
7 de Julho de 2022
Disponível em: https://thomsonreuters.jusbrasil.com.br/doutrina/secao/1197064889/21-brevi-note-sul-litisconsorzio-nel-processo-tributario-italiano-capitulo-iv-litisconsorcio-doutrinas-essenciais-novo-processo-civil