A Tutela Coletiva de Interesses Individuais: Para Além da Proteção dos Interesses Individuais Homogêneos - Ed. 2015

Prefácio

Entre no Jusbrasil para imprimir o conteúdo do Jusbrasil

Acesse: https://www.jusbrasil.com.br/cadastro

PREFÁCIO

Sono molto lieto ed onorato di scrivere una breve prefazione all’ultimo libro di Sérgio Cruz Arenhart. Il primo motivo di gioia e di onore è che l’Autore ha svolto una parte delle sue ricerche sulla tutela collettiva durante un soggiorno di alcuni mesi del 2010, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Firenze. Egli si colloca così in una tradizione di scambi tra la dottrina processualistica brasiliana e quella italiana, che risale alla grande lezione di Enrico Tullio Liebman. Il secondo motivo di soddisfazione è che, nel ricostruire questa difficile materia, il prof. Arenhart mette a frutto, tra l’altro, alcuni spunti sull’applicazione del principio di proporzionalità nella giustizia civile, che sono stati al centro dei nostri colloqui fiorentini nella prima metà del 2010. Quelle riflessioni si trovavano allora in uno stadio iniziale ed erano molto frammentarie. Esse scaturivano da una doppia sorpresa.

In primo luogo, ero sorpreso dalla marcia trionfale che il principio di proporzionalità, come canone di esercizio dei pubblici poteri, aveva compiuto in poco più di un secolo. Era il 14 giugno del 1882, quando il Tribunale amministrativo superiore (Oberverwaltungsgericht) prussiano, con sede a Berlino, emanò il famoso Kreuzbergurteil. Il presidio di polizia di Berlino aveva emanato un regolamento che vietava ai proprietari di terreni intorno al Kreuzberg di costruire edifici che superassero una certa altezza, per mantenere inalterata la visuale sul monumento eretto nel 1821 in cima alla collina. Il tribunale amministrativo annullò il regolamento, con la motivazione che la polizia urbanistica era competente per la difesa da pericoli, non per la tutela di interessi estetici.

Il principio di proporzionalità si sviluppa nel diritto amministrativo tedesco in conseguenza di questa sentenza fondamentale, che costituiva uno dei segni della fine dello Stato di polizia. Sotto il Grundgesetz e la giurisprudenza del Bundesverfassungsgericht, esso diviene uno dei principi fondamentali del diritto costituzionale tedesco. Più recenti, ma non meno ricche, sono le ulteriori evoluzioni, che hanno condotto ad una estensione del campo di applicazione del principio di proporzionalità nel diritto dell’Unione europea, nella convenzione europea dei diritti dell’uomo e nel diritto internazionale generale.

Qual è il segreto di questo successo? A me sembra che sia il carattere “accattivante” di questo principio, poiché esso riesce a mettere tutti d’accordo. Chi può contestare che una certa attività statale debba essere idonea, necessaria ed adeguata a raggiungere lo scopo legittimo ad essa assegnato? I tre test del principio di proporzionalità offrono scansione e misura alla stessa idea dell’agire razionale rispetto ad uno scopo determinato, tant’è che il principio di proporzionalità ha da tempo varcato la frontiera delle attività statali per estendersi alle attività private, incrociando l’idea di giustizia contrattuale. In secondo luogo, il principio di proporzionalità offre anche un certo ordine al pensiero ed alla argomentazione giuridica chiamata a discutere ed a valutare queste attività. Ed in un tempo caratterizzato da argomentazioni frequentemente frettolose e disordinate, non si tratta di un risultato di poco conto.

Qual è il prezzo da pagare per questo successo?...

Uma experiência inovadora de pesquisa jurídica em doutrina, a um clique e em um só lugar.

No Jusbrasil Doutrina você acessa o acervo da Revista dos Tribunais e busca rapidamente o conteúdo que precisa, dentro de cada obra.

  • 3 acessos grátis às seções de obras.
  • Busca por conteúdo dentro das obras.
Ilustração de computador e livro
jusbrasil.com.br
8 de Dezembro de 2021
Disponível em: https://thomsonreuters.jusbrasil.com.br/doutrina/secao/1212796629/prefacio-a-tutela-coletiva-de-interesses-individuais-para-alem-da-protecao-dos-interesses-individuais-homogeneos-ed-2015